CervinArte: si chiude la decima edizione

La rassegna si è aperta con un dono e si chiude con un altro grande regalo. Un raffinato artista, che si esibisce con le più importanti orchestre del mondo, nei teatri più prestigiosi, domani sera chiuderà la decima edizione di Cervinarte, memorial Nicodemo De Vito. Il maestro Giuliano De Angelis segna il suo ritorno a Cervinara con un raffinato concerto che si svolgerà domani, sabato 25 novembre, alle ore 20,00, nella suggestiva Abbazia di San Gennaro a Ferrari. Ad esibirsi sarà il Paganini Strings Duo, ossia, Giuliano De Angelis al violoncello e Alessandro Di Gregorio alla chitarra. Il maestro si esibisce a Cervinara, reduce da due trionfali concerti a Salerno e a Roma. Proprio ieri, la sua maestria ed il suo talento, è stato dedicato un bell’articolo su Life&People Magazine. Questo fa capire l’importanza dell’evento di domani sera che chiude il festival, organizzato dalla Pro Loco, in collaborazione con l’amministrazione comunale. Il maestro De Angelis, appena contattato dagli organizzatori, ha subito deciso di regalare a tutti i cervinaresi il concerto. Lo ha fatto per segnare il suo ritorno. Non dimentichiamo che Nostos è stato il tema , scelto dalla rassegna, curata dal giornalista Peppino Vaccariello. Il violoncellista, infatti, è fieramente orinario de L’Aquila, ma, un pò come Milot, Cervinara è diventata la sua seconda patria, quel paese dell’anima dove insegna e dove prepara i concerti. Lo scorso anno era tornato in Abruzzo, ma, dopo poco ha capito che doveva tornare in Valle Caudina. E così, prendendo il coraggio a due mani ha deciso di rientrare in quello che, forse, è divenuto anche il paese dell’anima. Come un mentore, infatti, sta educando tandi ragazzi alla musica, cercando di coltivare i talenti.

Cervinarte è orgogliosa che un artista tanto importante ha deciso di chiudere , con un suo concerto, la rassegna. Ed è anche grata alla grande generosità del maestro Giuliano De Angelis, che con archetto e violoncello porta in giro per il mondo l’orgoglio cervinarese.

Condividi con: