Forchia

S. Nicola Di Mira

Forchia - San Nicola di Mira

Le origini di questa parrocchia, dedicata a S.Nicola di Mira, risalgono al secolo XVII, come risulta dalla bolla emanata dal vescovo di Sant’Agata dè Goti Mons. Tommaso Campanella, il 19 maggio 1654. Questo documento stabiliva i confini parrocchiali, gli obblighi dei parrocchiani, il sostentamento del parroco, la manutenzione e la elezione dei futuri parroci. La chiesa sorge nel luogo denominato il Casale, un po’ elevato dal livello stradale ed è preceduta da un sagrato che si eleva da un cortile comune. Il prospetto è molto semplice; fanno spicco il mosaico di S. Nicola e un decorativo timpano triangolare. Il campanile è quadrilatero, la cella campanaria ha una torre ottagonale e una cupola a pera. L’interno è a navata unica. Il soffitto molto semplice è animato da tre quadri di forma poligonale. Il centro raffigura un miracolo di S.Nicola, un altro rappresenta la Madonna delle Grazie, il terzo rappresenta la Madonna del Rosario. Nel 1847, il parroco Guglielmo Stroffolino fece costruire le due navate laterali e porto a cinque gli altari laterali.

 

Chiesa di S.Alfonso M. dè Liquori

Forchia - Sant'Alfonso Maria de Liguori

La Chiesa fu edificata, a spese e devozione primicerio Giovanni Stroffolino nel 1834, per utilità dei passanti e degli abitanti delle masserie del luogo. Nel 1878 il vescovo, Mons. Domenico Ramaschiello, la costituì Vicaria cura pastorale della popolazione del luogo, affidandone il compito a don Vincenzo Stroffolino. Il 28 agosto 1960, con Decreto del Presidente della Repubblica, fu riconosciuta come parrocchia sotto il titolo di “ Sant’Alfonso Maria dè Liquori”. Il primo parroco fu il francescano P. Luigi Tommaselli dal 1 gennaio 1961. Dopo il terremoto del 1980 è stata circa dodici anni chiusa. Restaurata anche per l’impegno di Padre Francesco Cavuoto, è stata benedetta e riaperta al culto da S.E. Mons. Mario Paciello.

(Fonte: comune di Forchia)

Condividi con: